-                        EX MANICOMIO PEDIATRICO DI AGUSCELLO                      -

Nelle campagne intorno a Ferrara c’è un luogo divenuto leggendario tra i cultori del paranormale e dell’occultismo; si tratta dell’ex manicomio infantile di Aguscello.

Ex Villa di pregio che la croce rossa acquistò da una certa Amelia Guerra, divenne ospedale psichiatrico pediatrico nel dopo guerra e funzionò fino agli anni 70 allorquando fu abbandonato per ragioni che sono avvolte nel mistero e hanno dato adito a tante leggende. Pare che la struttura fosse gestita da personale ecclesiastico, per lo più suore, e che fossero accaduti molti episodi poco chiari. Sempre dicerie popolari asseriscono che i bambini subissero maltrattamenti e torture; c’è chi parla addirittura esperimenti medici e di unna grande fossa comune nel bosco per occultare le vittime degli abusi. Leggende parlano di incendi e di epidemie dolose, ma quella più diffusa e seguita è quella su Filippo Erni, un bambino la cui patologia evidentemente creava problemi e che per questo fu imprigionato in una stanza all’ultimo piano. Il piccolo non riuscì a tollerare la sua condizione di malato e prigioniero e si suicidò buttandosi chi dice dalla finestra chi dalla tromba delle scale. 

Negli anni dopo l’abbandono l’edificio è stato meta di continui pellegrinaggi di appassionati di occultismo e paranormale. Si dice che si potesse vedere il bambino aggirarsi inquieto nella struttura o sentirne i passi. Celebre è la giostrina che si trova nella cappella adiacente all’edificio principale che molti asseriscono aver visto girare da sola, come se una presenza invisibile ci fosse salita sopra; movimento che qualcuno è anche riuscito a filmare. Si è così tanto diffusa la leggenda di Aguscello che persino televisioni italiane e straniere hanno girato degli speciali lì. Questo ha attirato tanti di quei curiosi, con rischio anche di incidenti perché la struttura è pericolante e ridotta ad uno scheletro, che le autorità hanno dapprima murato tutti gli ingressi e ultimamente piazzato allarmi e sensori tutto intorno per prevenire altre visite. Oggi la struttura è del tutto inaccessibile e inagibile anche a poterci entrare e, come detto, è strettamente controllata. Tuttavia emana ancora un innegabile fascino sinistro che abbiamo percepito nonostante la bella e calda giornata d’estate in cui siamo stati li.

PRENDI SOLO IMMAGINI, LASCIA SOLO IMPRONTE

L'esplorazione è stata fatta per un tempo davvero breve, nel rispetto dei luoghi e degli eventuali cartelli di divieto presenti. Nessuna intrusione in luoghi protetti da chiusure, barriere, cancelli o in presenza di divieti è stata fatta. Nulla è stato toccato e/o prelevato. 

IL PRESENTE ARTICOLO NON COSTITUISCE IN NESSUN MODO UN INVITO O UN INCORAGGIAMENTO ALL'ESPLORAZIONE. I LUOGHI SONO FATISCENTI E PERICOLOSI. CHI LO FACESSE, SE NE ASSUME OGNI CONSAPEVOLE RISCHIO. 

 

Treespassing private properties is both illegal and dangerous.