DA ESSAOUIRA A MERZOUGA

27 dic 2014 - 03 gen 2015

dicembre 27-28: Marrakech

Medina e Suq tra tintori, orafi, pellettieri, sarti, gente dalle colorate ghalabia (caffetani) profumi e spezie, tra i venditori d'acqua e incantatori di cobra.

dicembre 29: (220 km) Aït benhaddou - Ouarzazate
Partenza al mattino da Marrakech verso l’Atlante: il Tizi n’Tichka e i suoi villaggi sospesi, in direzione di Ouarzazate, antica città di guarnigione. Casba di Aït Benhaddou, Oasi Fint, Oarzazate.

dicembre 30: (230 Km) Gole del Dadès – Gole del Todghra
Kelâa M’ Gouna, fino alle gole del Dadés e le dita di scimmia. Tinghir attraverso le pianure pre-desertiche.  Gole del Todghra dopo aver attraversato parte del palmizio.

dicembre 31: (200 Km) Erfoud - Merzouga
Palmizio e nelle gole del todgora Todghra, viste straordinarie falesie alte 300m e impressionanti canyon di terra rossa e ocra. Partenza verso Erfoud, poi il Tafilalet e le oasi pre-sahariane. Arrivo a Merzouga - (Erg Chebbi) deserto

gennaio 1: (500 km.) Alnif – vallée du Drâa – Marrakech 

gennaio 2: (350 km) Essaouira 

gennaio 3: Italia

 

 

slide motion

                    Una serata all'Hammam pubblico di Marrakech

               (Foto di repertorio,senza data e nome dell'autore. Se qualcuno riconoscesse come propria la foto e ne desiderasse la rimozione, può farne richiesta alla mail del sito sulla homepage)                                                    © 2015 Resoconto semiserio di una serata in un Hammam "popolare" di Marrakech

Siamo a Marrakech da alcuni giorni e Marco, l'esperto di questioni marocchine del gruppo, ci ha promesso di portarci in un Hammam MOLTO popolare, di quelli frequentati solo dai locali (poveri naturalmente) dove lui è già stato molte volte, millantando l'amicizia col proprietario, un enorme saraceno di circa 50 anni. In questo Hammam sono state girate anche le scene del bagno turco del film "Marrakech express". Le ragazze sono andate in un altro più costoso e sofisticato Hammam riservato esclusivamente alle donne. Arriviamo che è ormai buio. Insieme a noi nella penombra del portico, davanti ad un portone lercio, una mezza dozzina di uomini e due lambrette del 56 (avanti cristo). Finalmente, dopo qualche minuto di attesa l'ingresso si apre ed in silenzio accediamo ad un vasto cortile poco illuminato, con al centro un enorme sedile di pietra levigata. Un vecchio ci indica sulla sinistra lo spogliatoio degli uomini dove ci leviamo gli abiti e li riponiamo in alcune mini grotte spacciate per armadietti. Ma ci hanno detto che qui nessuno tocca nulla, perché le mini grotte sono protette da alcune tremende divinità emovore dell’Hammam e da velenosissime scolopendre. Così, rincuorati ed in mutande, attraversiamo di nuovo il cortile fino ad una porticina celata da un telo di pregiatissimo cellophane e accediamo ad un altro ambiente caldo e umido ed, ancora, ad uno definitivo più caldo ed umidissimo. La stanza in muratura, illuminata solo da una lampadina nascosta dietro un vetro reso opaco dagli anni e dal vapore, è del tutto spoglia. Ci si sdraia quindi sul pavimento di marmo bagnato e caldo, scansando germi e malattie ormai debellati da un secolo, in attesa dei primi gavettoni. Intanto, con fare rituale alcuni lottatori greco-romani riempiono dei secchi, di quelli che si usano per lavare per terra nei mercati ortofrutticoli, miscelando acqua bollente e fredda da alcune tubature di ottone che corrono sul muro. Ad ognuno di noi tocca un primo secchio di acqua rovente, rovesciato con mugolii di soddisfazione e sguardi sadici dal personale. Il secondo gavettone è più tiepido ed alcuni di noi ritengono giusto, per mantenere alto il livello di sofferenza, dare anche una testata sul duro pavimento. A turno veniamo insaponati e, sempre a turno, di nuovo gavettonati. Di nuovo sapone, un sapone senza schiuma molto denso e oleoso. Dicono serva per lo “scrub”. Infatti, dopo qualche minuto a turno gli inservienti ci strofinano con violenza con guanti di crine, tipo quelli usati dai “Flagellanti” di Guardia Saframondi a Pasqua, e in breve siamo tutti l’immagine di Cristo sul Golgota. Ma ora arriva la parte più difficile, che mette a dura prova anche il più scafato dei viaggiatori, una parte che sadicamente Marco, sempre l’esperto del gruppo, aveva tenuto gelosamente nascosta nel briefing: lo stretching! Sospettiamo che abbia contrattato una percentuale per ogni vertebra rotta o incrinata. A turno cazzotti, botte, prese da catch e la famosa mossa dello “scorpione” in cui il sadico inserviente punta le ginocchia sulla schiena e fa leva all’indietro tendendo tutta colonna vertebrale del malcapitato come l’arco di un cacciatore; il tutto ingentilito con sibili tipo cobra ad ogni piegamento o stiramento. Guardo impietrito gli sventurati compagni mentre attendo il mio turno, cercando di scansare rivoli di acqua putrida mista a sapone del fachiro che fa le abduzioni accanto a me. Terminato il supplizio, una cosa più gentile: lo shampoo.     Il trattamento, che dura un’ora, si conclude con una secchiata di acqua, prima bollente e poi gelida. Aziz dell'Hammam, che in breve viene ribattezzato "A Zizz e mammet", ci dice che, se vogliamo, possiamo passare nella stanza tiepida e giocare ancora a gavettoni. Naturalmente, non ci facciamo pregare. Il tutto è costato 100 diram, poco più di 9 euro. Un prezzo esorbitante se si considera che l’ingresso all’Hammam con “fai da te”, cioè senza il "trattamento", costa 5 diram (50 centesimi).

select your language

CONTATTI: giovannifilangieri@gmail.com

Commenti: 10
  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

Scrivi commento

Commenti: 10
  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)