ISOLE DEL REGNO DI TONGA

.                  Vava'u, l'isola della balena che canta                   .


IL VIAGGIO IN PILLOLE  23 luglio - 13 agosto 2017

 

 

ROMA – BANGKOK (THAI AIRLINES)

PARTENZA 13.55 DEL 23 LUGLIO   

ARRIVO       5.45   DEL  24 LUGLIO sosta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 BANGKOK – AUCKLAND (THAI AIRLINES)

PARTENZA 18.45 DEL 24 LUGLIO

ARRIVO      10.45 DEL 25 LUGLIO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AUCKLAND – TONGATAPU (VIRGIN AIRLINES)

PARTENZA 16.30   DEL 25 LUGLIO

ARRIVO       20.20   DEL 25 LUGLIO /notte in casa privata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TONGATAPU – VAVA’U  (REAL TONGA AIRLINES)

PARTENZA 9.00 DEL 26 LUGLIO

ARRIVO 10.00     DEL 26 LUGLIO  (DESTINAZIONE FINALE

 

 

                                 

 

 


Il Ritorno

VAVA’U – TONGATAPU

PARTENZA 4.30 DEL 10 AGOSTO

ARRIVO 5.30       DEL 10 AGOSTO

TONGATAPU – AUCKLAND

PARTENZA 9.10 DEL 10 AGOSTO

ARRIVO 11.20    DEL 10 AGOSTO / 2 giorni Auckland

AUCKLAND – BANGKOK

PARTENZA 13.10 DEL 12 AGOSTO

ARRIVO 20.25    DEL 12 AGOSTO

BANGKOK – ROMA

PARTENZA 0.20 DEL 13 AGOSTO 

ARRIVO 6.50 DEL 13 AGOSTO 

 

                                     INFO SUL VIAGGIO

 

Voli: Thai Airlines – Virgin Australia – Real Tonga Airlines

 

Itinerario: A) Roma – Bangkok / Bangkok – Auckland / Auckland – Tongatapu / Tongatapu – Vava’u

Tragitto: R) Vava’u – Tongatapu / Tongatapu – Auckland / Auckland – Bangkok / Bangkok – Roma

 

LOGISTICA

AUCKLAND:

Waldorf St. Martins Apartments (10.8 -12.8)

REGNO DELLE ISOLE TONGA:

Tongatapu: privato (25.7)

Vava’u: Mystic Sands, Utungake (26.7-4.8) / Beach House, Fofoa Island (5.8-10-8)

 

Fuso orario: +12h rispetto all’Italia. A Tonga non si applica l’ora legale.

 

Telefonia: Prefisso telefonico dall’Italia: 00676 Prefisso per l’Italia: 0039/ La rete cellulare è attiva. Operano 2 compagnie di telefonia mobile: Tonfon e Tonga Communications Corporation.

 

Moneta: Pa’anga (TOP)

1 € = 2,50 TOP

 (ATTENZIONE: tasso in corso al luglio 2017 – da verificare variazioni)

 

CORRISPONDENTI CONSOLARI TONGA
Mrs Daniela Alfonsina - Viola Orbassano
Waterfront Restaurant and Hotel
Vaini Tongatapu, PO Box 1001
Nuku'alofa, Kingdom of Tonga
Tel. hm +676 37249 
Tel. wk +676 25260
Mob.    +676 7852000
Email: dorbassano@gmail.com - dani@kalianet.to       

(L'Ambasciata d'Italia in Nuova Zelanda è competente anche per Tonga)
AMBASCIATA D'ITALIA a Wellington:
34-38, Grant Road, Thorndon
WELLINGTON 6011 (New Zealand)
TEL: 0064-4-4735 339
FAX: 0064-4-4727255

Cell. Emergenza: 0064-27/4448259
E-MAIL: wellington.embassy@esteri.it   

 

Lingua: a Tonga si parla il Tongano, un dialetto polinesiano usato anche in altri arcipelaghi come le Samoa, le Fiji, le Vanuatu. Tuttavia, l’inglese è pressoché parlato da tutti, specialmente le nuove generazioni che studiano in inglese.

 

 Religione: cristiana a maggioranza protestante. In ogni villaggio troverete più di una chiesa in stile tradizionale polinesiano di differenti confessioni.

 

Cibo: La cucina tongana è molto semplice e utilizza ogni possibile risorsa locale. In particolare, si fa grande uso della frutta e della verdura. Il cocco è ovunque, sia la polpa che la crema di cocco usata come salsa di base nella maggior parte delle preparazioni della cucina tongana. I piatti di solito vengono presentati dentro la POLA, un lungo vassoio fatto con foglie di palma da cocco intrecciate. Gran parte del cibo viene cotto negli UMU, forni sotto la terra. Viene scavata una buca nel terreno e viene acceso il fuoco sul fondo; quindi vengono messe delle grosse pietre rotonde sopra il fuoco e man mano che il fuoco va le pietre si spostano verso il fondo. Viene messo il cibo da cuocere avvolto in foglie di banana, il tutto viene coperto da sacchi e sopra ancora uno strato di terra. In questo modo viene trattenuto tutto il calore, il cibo cuoce molto bene senza però perdere i suoi aromi. La carne è costituita per lo più dal maiale selvatico che abbonda sulle isole mentre il pesce è quello delle barriere tropicali e dell’oceano: molluschi, polpi, crostacei, bonitos, cernie, tonni, wahoo etc.  Diverse radici vegetali quali ufi, yam, kumala (una varietà di patata dolce), frutti dell'albero del pane e taro accompagnano i piatti, cotte nell'"umu" o in alternativa bollite.

 

Dicevamo che la crema di cocco, estratta dalla polpa grattata dalle noci di cocco mature, accompagna quasi tutti i piatti e viene mischiata con carne, pesce, verdura o frutta. Per esempio, il "lu pulu" é un piatto fatto con foglie di taro giovani che avvolgono polpette fatte con carne, crema di cocco e cipolle e messo nell' umu a cuocere. Anche il polipo (lu feke), il pollo (lu moa) e i pesci (lu ika) possono essere preparati in questo modo. Ci sono parecchi modi per servire il pesce ma una delle migliori specialità è l’”ota ika", che significa pesce marinato. Pezzi di pesce sono immersi nella crema di cocco con limone, cipolle, erbe in salamoia e radici commestibili. Anche le tridacne (vasuva) sono particolarmente gustose preparate in questo modo e servite nelle loro stesse conchiglie. Crostacei, granchi, cozze, vongole, ostriche ed altre conchiglie sono preparate in diversi modi. I maialini da latte sono normalmente arrostiti su uno spiedo, messo sopra un fuoco all'aperto, che viene ruotato continuamente per far rimanere croccante la cotenna. Spesso vengono riempiti con pane grattato ed erbe aromatiche. I maiali più grossi invece normalmente vengono cotti nell'umu, a pezzi o addirittura interi. Anche le banane, l’anguria ed il mango in crema di cocco sono servite come dessert. Il succo del cocco fresco, nutriente e dissetante, è una delle bevande più consumate anche per l’abbondanza di questo frutto.

Nell'immaginario di ogni viaggiatore, le isole del pacifico meridionale occupano un posto particolare. I cd. “Mari del Sud” da sempre evocano viaggi avventurosi e luoghi di sogno. E’ stata l’ultima frontiera del viaggio di scoperta. In un pianeta dove ormai non c’è più niente di sconosciuto, dove le fantasie sono dirette nello spazio esterno di un mondo ormai piatto e globalizzato, le isole del pacifico meridionale suscitano ancora grande fascino ed attrattiva su chi è ancora in cerca di avventura. Sono l’esotico per eccellenza. Nello sconfinato oceano, lontane da tutti i maggiori continenti, con solo l’Australia come riferimento solido, questi minuscoli arcipelaghi esistono quasi indisturbati in una natura selvaggia ed incontaminata. Siamo soliti distinguere queste aree in POLINESIA, MELANESIA e MICRONESIA, ma sono tutti luoghi ai confini del mondo cd. civilizzato, dei luoghi tra i più remoti e difficilmente raggiungili della terra. 

Tra lo sconfinato numero di isole, isolette e reef a mala pena affioranti c’è un gruppo di isole che ha mantenuto intatta ed integra la sua origine e la sua cultura. Mi riferisco all’Arcipelago del Regno di Tonga. Il Regno di Tonga ha ottenuto la sua indipendenza dalle potenze colonizzatrici occidentali. I primi navigatori ad incrociare queste acque furono olandesi Willem Schoutem e Abel Tasman nella prima metà del XVII sec. Fu James Cook nella seconda metà del XVIII sec. che in qualche modo fece ricadere il Regno di Tonga sotto l’influenza Britannica; visto i carattere estremamente gioioso e amichevole, battezzò l’arcipelago con il nome “friendly” ed ancora oggi Tonga viene anche chiamato con il nome di “Isole dell’amicizia”. Con i britannici arrivarono anche i missionari protestanti che convertirono la popolazione. Taufa'ahau prese il potere nel 1845 e unificò tutte le isole sotto un unico Regno, costruendo la sua residenza a Nuku Alofa nell’isola di Tongatapu. Dal 1970 il Regno di Tonga è completamente indipendente dal Regno Unito.

L’arcipelago è costituito da 176 isole (la maggioranza disabitate) e si estende su una vasta superficie di ben 700.000 km quadrati, da sud verso nord, con differenze climatiche anche notevoli tra di loro. Dal punto di vista turistico il gruppo delle isole di Vava’u è forse quello più importante. Circa 100.000 turisti visitano Tonga ogni anno attratti dal mare limpido e ricchissimo e dalle spiagge di sabbia finissima e bianca. Una particolare attrattiva la esercitano le balene che qui in grande numero vengono dall’Antartide a partorire i cuccioli nell’inverno australe (nostra estate) richiamando subacquei da tutto il mondo per interazioni mozzafiato, possibili solo qui. Le isole sono naturalmente approdo obbligato di tutti i grandi velisti e navigatori che navigano nel sud pacifico.

BANGKOK

VAVA'U

MERCATO DI NEIAFU

MERCATO DI NEIAFU


select your language

CONTATTI: giovannifilangieri@gmail.com

Commenti: 10
  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

Scrivi commento

Commenti: 10
  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)