PAESI ABBANDONATI   Senerchia

23 novembre 1980, ore 19.34, un sisma di magnitudo 10 della scala Mercalli (livello X: completamente distruttivo – rovina di molti edifici, molte vittime umane, crepacci nel suolo) devastò la Campania e parte della Basilicata, cancellando per sempre decine di paesi. L’epicentro del sisma fu localizzato nella alta valle del Sele, tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza e Conza della Campania. Questi tre comuni insieme a Laviano, Sant’Andrea, Pescopagano, Senerchia, Lioni, Morra de Sanctis, Santangelo dei Lombardi e molti altri furono distrutti dalla violenza del terremoto. 

Oggi il vecchio borgo medioevale di Senerchia, rimasto ancora in piedi perché costruito sulla solida roccia del massiccio dei monti Picentini, ha un aspetto spettrale e guarda malinconicamente il paese nuovo ricostruito più a valle. L’ampia zona che li divide corrisponde a quella devastata dal terremoto, sulla quale si è deciso di non costruire più. Camminare tra le stradine e le scale che si inerpicano sulla montagna è come fare un viaggio nel passato. Molte case sono accessibili ma non sono sicure ed entrarci dentro comporta qualche rischio, che si può ridurre al minimo rimanendo dentro il tempo più breve possibile, evitando di appoggiarsi alle pareti, camminando con attenzione, saggiando il suolo con gradualità, evitando le stanze dove i solai rivelano tracce o minacce di crolli, come rigonfiature, curvature etc. Tutti comportamenti che andrebbero sempre mantenuti in ambienti pericolanti o fortemente compromessi. Arrivati in cima al paese, dal quale si ammira un panorama mozzafiato sull’altopiano sottostante e sui massicci montagnosi distanti della Basilicata.

Percorrendo il paese, vi capiterà di mettervi a pensare cercando di immaginare tutto l’orrore di quella notte del 23 novembre: il fragore del sisma e dei crolli, il buio, la paura, la devastazione, il freddo, le urla di chi ha perso i propri familiari o è rimasto intrappolato sotto le macerie. Tutte cose difficilmente immaginabili in una bella e calda giornata di inizio estate, come è capitata a noi. Ritengo che questi luoghi siano  santuari e come tali andrebbero pensati e trattati. Il progetto sviluppato per Apice sarebbe una buona soluzione e dovrebbe essere adottato per tutti i luoghi come questo. Lo dobbiamo ai tanti morti e al dolore delle loro famiglie che hanno perso tutto. Nel borgo si notano recenti tentativi di ristrutturazione e di rivitalizzazione che non sembrano avere tenuto conto di questo e non sembrano avere un piano razionale e complessivo. Al di là della bellezza architettonica del borgo, che andrebbe rispettata e tutelata, c’è bisogno di un autentico restauro per preservare la memoria e fare rivivere davvero questo luogo. Purtroppo, questi luoghi e questa valle non appartengono alle aree privilegiate, quelle che contano dal punto di vista dei numeri alle elezioni, sono da sempre dimenticate dalla politica.  

 Per ultimo, vogliamo dirvi di un fatto che ci è capitato a Senerchia e ci ha alquanto impressionato. Una farfalla del genere Amata phegea o lepidottero prete ci ha accompagnato per tutto il tempo che siamo stati nel borgo abbandonato, sparendo per pochi secondi a tratti e poi riapparendo. E si è posata diverse volte su di noi quando ci siamo fermati. Siamo in una zona con natura prorompente ed in un luogo con molti fiori ed insetti. Tuttavia, conoscendo la storia di questi luoghi questa costante presenza ci ha fatto venire strani pensieri.

 

 

select your language

CONTATTI: giovannifilangieri@gmail.com

Commenti: 10
  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

Scrivi commento

Commenti: 10
  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)