LA CHIESA DEI SOSPIRI

TIPOLOGIA: Collegiata XV sec.

STATO DEI LUOGHI: molto fatiscente

MOTIVO ABBANDONO: dopo il 1943 - sconosciuto

ACCESSO: facile

TAG: #urbex  #urbanexploration #abandoned 

Perduta nelle campagne dell’Irpinia, fuori da centri abitati, questa antica costruzione risalente alla prima metà del 1400 sta lentamente scomparendo, corrosa dall'incuria e dalle ingiurie del tempo. Si accede da un cancelletto aperto su un muro basso di cinta, attraversando quello che forse era un cortile oppure un orto ed ora è una selva di erbacce. Il portale della chiesa è ormai bloccato da un fitto roveto che lo ha completamente avviluppato e l’accesso è possibile solo dalle pertinenze sotto l’alta torre campanaria; bella la cornice in marmo bianco con il timpano spezzato. 


Entriamo, quindi in questo primo ambiente spoglio e con un altare a muro di cui rimane ben poco. Una angusta scala si inerpica sulla torre, ma è ingombra di calcinacci e detriti, segno forse che si sta lentamente sbriciolando; passati alcuni ambienti tra la torre e la chiesa, il tratto che prosegue verso le campane è molto rischioso ed è sconsigliabile proseguire. Per arrivare alla chiesa ci tocca proseguire attraverso un varco sulla destra che conduce ad un primo ambiente semibuio e diroccato, poi subito in un altro con due grandi finestroni chiusi da grate. E’ una sorta di cappella gotica con le volte decorate da 4 fiori della vita contrapposti ed al centro un quadrato che ingloba un cerchio con la centro un quinto fiore. La luce direzionale proveniente dai due finestroni conferisce alla cappella un aspetto surreale, quasi onirico. Di qui si accede alla chiesa. 


Appena entrati nella chiesa, l’impatto emotivo è forte. Si passa da ambienti angusti e tetri ad uno maestoso ma non meno lugubre. La chiesa è grande, pianta a croce latina a tre navate, dall'aspetto molto severo. Si percepisce una forte umidità, confermata dalle tracce di infiltrazioni lungo le navate laterali, che conferisce un odore molto singolare, quasi da foresta equatoriale, all'ambiente. Il silenzio è assoluto e ogni suono è amplificato a dismisura. Un silenzio che mette a disagio e che dà la costante sensazione di essere osservati da qualcuno o da qualcosa. I battiti d’ali di colombi e rondini, che qui trovano rifugio, si alternano a rumori più impercettibili ma non per questo meno inquietanti. Sembra di avvertire quasi dei sospiri, dei lamenti soffocati, dovuti al vento che si infiltra o forse alle essudazioni delle pareti. L’ambiente è in penombra, ma ci si vede abbastanza bene e non serve l’uso di torce. La navata di destra ha ormai la pietra scoperta, mentre quella di sinistra, meglio conservata, ha ancora il rivestimento ricoperto però di un muschio verdastro. Il pavimento delle tre navate, che era in ceramica maiolicata, purtroppo non c’è più. Andando verso l’abside, nei due transetti laterali si possono ancora ammirare dei bei stucchi raffiguranti gruppi di angeli che sembrano seguirci con lo sguardo. L’abside ha ancora il suo pavimento, un pregevole opus sectile, visibile a tratti sotto una coltre di terra e calcinacci. L’altare non c’è più. Una croce di ferro è appoggiata sul muro di fondo dell’abside ma non è chiaro dove fosse collocata. Alle spalle di dove presumo fosse posto l’altare c’è una botola aperta, in origine coperta con un lastrone funerario di marmo. E’ l’ingresso alla cripta. Era costume seppellire i morti nelle chiese e lo si è fatto fino al 1804, quando l’editto di Saint Cloud non lo vietò. Non sappiamo dire se sia opera di qualche trafugatore di scheletri, tombarolo o qualcuno in cerca di macabre emozioni. Alla luce delle torce si nota che il passaggio è ormai ostruito, invaso da uno spesso ammasso di detriti. 

Lateralmente e all’esterno della chiesa, una cappella, priva di copertura e con un bel portale di legno e ferro battuto, regala qualche ultimo spunto fotografico.

 

L'esplorazione è stata fatta nel rispetto dei luoghi e degli eventuali cartelli di divieto presenti. Nessuna intrusione in luoghi protetti da chiusure, barriere, cancelli o in presenza di divieti è stata fatta. Nulla è stato toccato e/o prelevato. 

 

IL PRESENTE ARTICOLO NON COSTITUISCE IN NESSUN MODO UN INVITO O UN INCORAGGIAMENTO ALL'ESPLORAZIONE. I LUOGHI SONO FATISCENTI E PERICOLOSI. CHI LO FACESSE, SE NE ASSUME OGNI CONSAPEVOLE RISCHIO. AD OGNI BUON CONTO RICORDATE SEMPRE LA REGOLA "LEAVE ONLY FOOTPRINTS AND TAKE ONLY PHOTOS", LASCIATE SOLO IMPRONTE E NON PRENDETE NULLA SE NON IMMAGINI.


 

CONDIVIDI SU

ATTENZIONE:

questo sotto è il libro degli ospiti e serve

per lasciare saluti, commenti

e/o suggerimenti.

Se avete richieste usate

la funzione contatti o la mail qui indicata,

altrimenti non saremo in grado

di contattarvi e rispondervi. 

select your language

CONTATTI: giovannifilangieri@gmail.com

 

Commenti: 33
  • #33

    franco (mercoledì, 01 luglio 2020 12:12)

    viene da piangere, si capisce che il recupero non è cosa facile, ma bisognerebbe tentare, affidare la proprietà a cooperative, scuole.... provare

  • #32

    Daniela (giovedì, 25 giugno 2020 11:10)

    Salve vorrei partecipare alle vostre escursioni, sono affascinata dal mondo urbex!

  • #31

    gigliana acanto (giovedì, 11 giugno 2020 17:27)

    sono interessata a parlare con altre come me di stregoneria

  • #30

    Simona (martedì, 09 giugno 2020 22:13)

    Salve, vorrei sapere se È possibile visitare il complesso o serve un permesso e, qualora bisognasse avere dei documenti... a chi bisogna rivolgersi? (ultima domanda: è possibile visitarlo anche se si è minorenni? Una signora presente sul posto ha avvertito me e i miei amici dic

  • #29

    Domenico Fiore (venerdì, 24 aprile 2020 19:21)

    Stupendo

  • #28

    Paolo Porzio (venerdì, 24 aprile 2020 09:06)

    Grazie mille davvero. Avete risolto una curiosità che avevo da quando poco più che adolescente ho visto il magico film per la prima volta.

  • #27

    Vittorio (mercoledì, 22 aprile 2020 08:53)

    Immaginavo che la villa costituisse e custodisse un tesoro architettonico. Ora ne ho avuto la conferma. Meriterebbe di essere riportata agli antichi splendori. Grazie per il reportage.

  • #26

    Erminio (lunedì, 06 aprile 2020 01:43)

    Bello aver trovato questo post 19/4/72 io c'ero

  • #25

    francesco belardo (venerdì, 06 marzo 2020 10:07)

    Buondì, mi date indicazioni più dettagliate per raggiungere il monastero? Avete le coordinate di Google Maps? Grazie

  • #24

    francesco belardo (venerdì, 06 marzo 2020 10:02)

    Buondì, come faccio a trovare la strada per arrivare al monastero? Hai le coordinate di Google maps? Grazie

  • #23

    Ferdinanda (sabato, 22 febbraio 2020 00:07)

    Io avrei bisogno di alcune informazioni , dove posso trovare , o meglio dove posso chiamare per avere informazioni sulle cartelle cliniche di chi ha vissuto "nella casa dei matti" di Aversa? Vi prego rispondete ,

  • #22

    Dino (giovedì, 30 gennaio 2020 12:50)

    Mi sembra loro strano che nesso dia un Premio a Totò
    Il migliore Attore e Uomo!!!
    Dino

  • #21

    SARA (lunedì, 20 gennaio 2020 11:14)

    sono sara

  • #20

    Giovanni Rossi Filangieri (venerdì, 28 giugno 2019 11:28)

    Ciao Sabry, questo è il libro ospiti per i saluti e i commenti. Se desideri info la prossima volta compil ail form contatti, altrimenti non posso raggiungerti per rispondere. In egitto fa abbastanza caldo tutto l'anno. In giugno è caldo ma è un clima desertico secco quindi non è proibitivo. Io ho fato due crociere sul Nilo, una a dicembre ed una proprio a giugno e non ebbi difficoltà particolari. Bevi molto, porta sempre acqua con te che puoi prendere sulla nave. Buon vento Giovanni

  • #19

    Sabry (venerdì, 28 giugno 2019 07:39)

    Ciao, volevo fare la crociera sul nilo fine maggio/ inizio giugno. Come troverò le temperature e' fattibile come viaggio o e' gia molto caldo? Grazie

  • #18

    Lucio (lunedì, 13 maggio 2019 12:55)

    Grandi viaggiatori sono anime che tutto abbracciano con la compassione degli dei.

  • #17

    Nina (martedì, 26 marzo 2019 20:27)

    Buonasera
    Le regole sono cambiate. Chi volesse visitare l’antico Romagnano ha bisogno di un permesso rilasciato dal comune. Inoltre a Romagnano al monte nel 1980 non ha perso nessuno la vita. Tante case dopo il terremoto sono rimaste intatte.

  • #16

    #16 (domenica, 27 gennaio 2019 11:46)

    Ciao ho letto con attenzione e piacere il tuo viaggio in pillole. Anch'io ho prenotato con mia moglie il volo per Tonga dal 29 luglio 2019 al 15 agosto. Ho difficoltà a prenotare il volo interno da Tongatapu a Vava'U dal 2 agosto al 14 agosto. Per due volte con prepagata in giorni diversi mi da booking confirmation ma payment Unpaid. Ho provato con carta di credito stesso esito.La banca dice che per lei non ci sono problemi, ho scritto due e-mail alla Real Tonga senza risposta.E' forse troppo presto, mi puoi far sapere qualcosa in merito per risolvere il problema? Non vorrei che col passare del tempo i voli siano tutti pieni. Grazie per la disponibilità
    frankverygood@gmail.com

  • #15

    Joanne (domenica, 20 gennaio 2019 21:17)

    Ciao Giovanni. Cercando documenti italiani, ho appena saputo che un antenato morì nel Reale Manicomio della Maddalena nel 1919. Lo cercai su Google e trovai il tuo bel post. Grazie per aver dato alla mia famiglia una visione intima del luogo in cui il nostro antenato trascorse i suoi ultimi giorni.
    Joanne
    Florida, Stati Uniti

  • #14

    Marco Faraò (venerdì, 21 settembre 2018 15:29)

    Buonasera,

    volevo segnalarVi l'uscita del libro "Benedetta Maremma. Storia dei santi della bassa Toscana" edito dalla Sarnus che racconta la vita e il culto di 25 santi tra le province di Livorno e Viterbo tra cui anche la figura di san Galgano.

    Cordiali saluti

    Marco Faraò

  • #13

    Giovanni (mercoledì, 19 settembre 2018 00:24)

    Per Andrea: non hai lasciato un contatto mail dove posso raggiungerti

  • #12

    Andrea (martedì, 18 settembre 2018 11:25)

    Ciao vorrei partecipare al gruppo du fb URBEX CAMPANIA ma non sono iscritto al social posso seguirvi in qualche altro modo?

  • #11

    Raffaele abbate (giovedì, 19 luglio 2018 10:28)

    molto interessante . visiterò tutto

  • #10

    Serena - Sognando Viaggi (domenica, 26 novembre 2017 12:38)

    Ciao!Partirò per trascorrere un weekend a Dublino tra poche settimane, utilissimi i tuoi consigli! :)

  • #9

    Gerardo Basile (lunedì, 04 settembre 2017 23:31)

    Bellissimo blog. E' stata una vera scoperta conoscervi. Grazie.

  • #8

    Marcello Polacchini (martedì, 11 ottobre 2016 12:09)

    Complimenti Giovanni!!
    Molto interessante questo sito.
    Abbiamo in comune molte cose: la sete di viaggiare, l'amore per la subacquea, la voglia di condividere....
    Tu e Anna siete una coppia fortissima!
    Continuate così!
    Arrivederci presto (spero) al Banco.
    Un abbraccio.
    Marcello

  • #7

    Fausto (sabato, 25 giugno 2016 07:53)

    Complimenti grande reportage spero di visitare questi posti al più presto e quanto prima voglio tornare in Normandia a vedere dove è sepolto il criminale che ha commesso tutto. questo

  • #6

    Claudio (sabato, 07 maggio 2016 20:59)

    Caro Giovanni! Ti mando un saluto e un ringraziamento per aver lasciato il bel e sincero commento circa le peripezie che mi sono toccate per sopravvivere viaggiando. Sono contento che il vostro stile di viaggio non sia connesso alla necessità di sopravvivere ma solo al puro piacere! Grazie, saluti anche ad Anna

  • #5

    Luca Ciriello (domenica, 24 gennaio 2016 15:50)

    Che bello essere parte della vostra vita.
    Im proud of you Anna and Giovanni.

  • #4

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:32)

    Stupendo !

  • #3

    Giuseppe Troisi (lunedì, 04 gennaio 2016 13:27)

    Ho letto, mi avete fatto rivivere la mia crociera sul Nilo ! Siete fantastici, foto bellissime , complimenti !

  • #2

    Giuseppe Troisi (domenica, 03 gennaio 2016 23:20)

    Stupende foto, luoghi magnifici, ( sana invidia ) complimenti per il V/s stupendo modo di viaggiare ! Da oggi Vi seguiro' SEMPRE (virtualmente ) Ciao !

  • #1

    Marcello Polacchini (venerdì, 18 dicembre 2015 08:07)

    Complimenti ragazzi!!
    Le vostre foto e racconti mi fanno venire ancora più voglia di viaggiare e di immergermi.

    A presto!